25 giu

Fantasie di scienziati o realtà?

Ogni tanto ci piace seguire questo bel sito che tratta solamente di Droni e quest’oggi vogliamo riproporvi un loro vecchio articolo con un bizzarro progetto drone di stazioni volanti per la produzione di energia.

La startup inglese New Wave Energy vorrebbe costruire un impianto di generazione d’energia ad alta quota, con una flotta di droni che usando pannelli solari e turbine eoliche trasmettano corrente elettrica a terra senza fili. Per il momento però tutto quello che son riusciti a fare è far alzare di una spanna un quad commerciale. La strada è lunga, ragazzi!

 Secondo i piani, la flotta di droni dovrebbe stare in hoovering nel cielo catturando energia solare ed eolica, muovendosi a bassa velocità sopra le nubi  seguendo il sole, come dei girasoli volanti, in pratica. Si posizionerebbero a una quota dove i venti sono costanti e sostenuti, naturalmente fuori dalle aerovie degli aeroplani.

Se il prototipo è un piccolo drone commerciale, i ragazzi inglesi sognano in grande, dei bestioni da 20×20 metri, quattro motori, una selva di turbine eoliche e una piattaforma di mannelli solari. Secondo i calcoli, che ci piacerebbe vedere, ogni drone-tolta l’energia che gli serve per volare- dovrebbe generare 50 KW addizionali da spedire a terra sotto forma di microonde, indirizzate a una costellazione di stazioni riceventi che la convertono in energia elettrica utilizzabile. E già immaginano stormi di centinaia di droni che producono qualcosa come 400 MWe di potenza.

Il sogno arriverà su  kickstarter, contano di raccogliere mezzo milione di dollari e arrivare a un prototipo funzionante entro sei mesi dalla fine della raccolta fondi. Auguri ragazzi, è bello avere la testa tra le nubi.

origine: DroneZine

Per chi fosse interessato ad approfondire il discorso trova un approfondimento su questa pagina inglese di divulgazione: http://www.newwaveenergyuk.com/drones.html

Questo è solo uno dei mille esempi che si moltiplicano, ogni giorno, sull’uso dei dreni nella vita di tutti i giorni.

Leave a Reply